Iniziamo col dire che Romeo e Giulietta è un mistero d’amore tutto italiano.
(Quasi) tutto nostro. Per due motivi: il primo, filologico, è che la storia non l’ha inventata Shakespeare.
L’opera infatti contiene dei sedimenti narrativi che si perdono nella notte dei tempi, e, in più, l’apporto fondamentale alla fisionomia del dramma, così come lo conosciamo noi, fu dato da Luigi da Porto (un veneto) nella sua Historia novellamente ritrovata di due nobili amanti.
Fu lui a inventare i nomi di Romeo e Giulietta, ambientò la storia a Verona, vi inserì lotte, ammazzamenti multipli, risse e malintesi.
Il secondo motivo è invece antropologico: in Romeo e Giulietta si ritrovano molte caratteristiche ataviche del nostro paese. Vi sono lotte politiche e intrighi di palazzo che hanno ricadute devastanti sulla vita dei giovani.
E, cosa ancor più significativa, ritroviamo la difficoltà di individuare i responsabili di queste sciagure, principalmente perché sciagurati lo sono anch’essi.
Perché sì, tutto noi sappiamo che Romeo e Giulietta sono morti. Meno sono quelli che sanno il come e il perché. Nessuno sa per colpa di chi.
Come è successo che un amore così bello, puro, ardente e giovanile sia finito in un modo così tragico e nel contempo ridicolo?
Da queste domande inizia la costruzione del nostro spettacolo che presenta la storia di Romeo e Giulietta, a partire dalla fine, come se fosse una detective story: riprendendo alcuni schemi scenici dell’improvvisazione teatrale, ma attenendoci rigidamente a un copione abbiamo costruito uno spettacolo che sposta il focus della vicenda, ma non la snatura.
Una drammatica storia d’amore era, e una drammatica storia d’amore rimane: vi abbiamo inserito quel dinamismo che contraddistingue il modo di fare teatro di un gruppo di improvvisatori che tante volte avete visto durante i match di improvvisazione. Ma senza concedere nulla alla risata facile e mantenendo tutti gli accenti poetici e drammatici che la piéce richiede.
Buon divertimento!

informazioni spettacoli:
email: info@lascenesubite.it - internet: www.lascenesubite.it

Tutti i diritti riservati a La Scène Subite Associazione culturale - J. Giuggioli - E. Rotolo - V.Gurnari